il romanzo

by

Dalle poesie alla traduzione in immagine di romanzi o racconti il passo fu breve.

Se una notte d’inverno un viaggiatore

di Italo Calvino

Einaudi editore, 1979

Il romanzo apre così:

“Stai per cominciare a leggere il nuovo romanzo Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino. Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni altro pensiero. Lascia che il mondo che ti circonda sfumi nell’indistinto. La porta è meglio chiuderla; di là c’è sempre la televisione accesa. Dillo subito agli altri! “No, non voglio vedere la televisione!” Alza la voce, se non ti sentono: “Sto leggendo! Non voglio essere disturbato!”

Libri,Libri Che da Tanto Tempo Hai In Programma Di Leggere, Libri che Da Anni Cercavi Senza Trovarli, Libri Che Riguardano Qualcosa Di Cui Ti Occupi In Questo Momento”

“Da pagina 32 si torna a pagina 17! Pagine che ritornano identiche, pagine che mancano, scambi di romanzi e poi romanzi che iniziano e vengono interrotti

Titoli di libri che non esistono, ma che hanno un inizio che ti incuriosisce, titoli che formano una frase che è un enigma, una domanda finale senza risposta.

“Lettore è tempo che la tua sballottata navigazione trovi un approdo. Quale porto può accoglierti più sicuro di una biblioteca? Certamente ce n’è una nella città da cui eri partito e a cui hai fatto ritorno dopo il tuo giro del mondo da un libro all’altro. Ti resta ancora una speranza, che i dieci romanzi che si sono volatilizzati tra le tue mani appena ne hai intrapreso la lettura, si trovino in questa biblioteca.”

Io li ho trovati: pagine colorate che si sovrappongono,si intersecano con i titoli a rilievo che ne seguono il ritmo. Li ho racchiusi in schermi televisivi e ne ho fatto uno sceneggiato in 10 tempi. Una rivincita dei libri sulla invadenza della televisione.

“Se una notte d’inverno un viaggiatore – sceneggiato in dieci tempi” 1985

Ecco i titoli dei dieci capitoli che formano un’unica frase:

“Se una notte d’inverno un viaggiatore

Fuori dell’abitato di Malbork

Sporgendosi dalla costa scoscesa

Senza temere il vento e la vertigine

Guarda in basso dove l’ombra si addensa

In una rete di linee che s’allacciano

In una rete di linee che s’intersecano

Sul tappeto di foglie illuminate dalla luna

Intorno ad una fossa vuota

Quale storia laggiù attende la fine?”

particolare

Dopo questo lavoro i romanzi successivi li ho rappresentati senza parole. Racconterò in un altro libretto la storia di Percival Bartlebooth personaggio inventato da George Perec nel suo libro “La vita istruzioni per l’uso”.

Tag: , , , , , , , ,

4 Risposte to “il romanzo”

  1. pani Says:

    e anche io resto senza parole.
    Domani provo a costruire una storia con i titoli di dieci libri presi dai miei scaffali.

    "Mi piace"

  2. sarimagiha Says:

    sono proprio curiosa!!!

    "Mi piace"

  3. esercizio « Panirlipe’s Weblog Says:

    […] da un post di Maria Luisa Grimani, ieri sera mi sono dedicato ad un simpatico gioco: ho preso dieci titoli di romanzi dagli scaffali […]

    "Mi piace"

  4. Secondo esercizio « Panirlipe’s Weblog Says:

    […] 5, 2008 di pani Sempre ispirato da questo post di Maria Luisa Grimani, ieri sera ho preso un piccolo libro di spartiti, un volume del 1958 che […]

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: