Posts Tagged ‘Arte e letteratura’

ah!

giugno 7, 2016

“Sentire tutto in tutte le maniere,
vivere tutto da tutte le parti,
essere la stessa cosa in tutti i
modi possibili allo stesso tempo,
realizzare in sé tutta l’umanità
di tutti i momenti,
in un solo momento diffuso,
profuso, completo e distante”

Alvaro de Campos

 

Nelle parole di Alvaro de Campos, dandy decadente e ironico,  trovo uno dei significati più inquietanti della poesia di Pessoa.
Mentre sono attratta dalla capacità irraggiungibile della penna del poeta che si firma con i nomi dei suoi diversi personaggi, la solitudine, l’ego cosmico, la distanza abissale dagli altri uomini mi fa paura. Mi fa paura perché qualche volta mi ritrovo in questo tipo di solitudine.  Chi fa ricerche artistiche tenta sempre di essere unico, di essere sempre aderente al proprio pensiero, dimenticando mode, tendenze, proprio per ritrovare se stesso. E ci si domanda quale sia il limite perché non è possibile che un pensiero altrui, una immagine , una parola che ci affascina non entri in noi quasi inconsciamente. E’ vero che dentro di noi esiste già una moltitudine di anime, in ogni istante della nostra vita siamo diversi, unici, irripetibili ma poi ci sono gli altri da noi, con le loro diverse caratteristiche e unicità e questo non si può dimenticare.

Spesso mi sono paragonata a Pessoa, non certo per la grandezza del mio fare, ma perché questo suo sentirsi ogni volta “altro” a seconda del personaggio che interpretava, mi incitava ad agire nelle mie diverse ricerche come se ogni volta fosse la prima volta. La ricerca sugli scacchi, sulla parola, sul segno, sul colore, sui ritmi del suono e della natura mi facevano provare emozioni sempre nuove. Pessoa è solo e il suo isolamento dagli altri e dalla vita finirà per distruggerlo ma è proprio per queste sue caratteristiche che è diventato il Pessoa, Alvaro de Campos, Alberto Caeiro, Ricardo Reis, Bernardo Soares, Antonio Mora che conosciamo.

Il pensiero si fa debole e forte ad alternanza. La vita scorre, e nella brevità del percorso di ognuno di noi, non è facile pensare al dopo di noi. Ma è quello che dobbiamo fare per un mondo migliore. Non c’è albero secolare che non sia stato piantato da qualcuno che non l’ha mai visto nel suo splendore. mlg

 

alvaro de campos
interpretazione poesia di Alvaro de Campos. mlg 2016

luppolo in fiore

aprile 11, 2016

luppolo in fiore.jpg

“luppolo in fiore” foto di Anna Correale Santacroce – 2016

 

Dietro l’intrigante
e viva veste
del luppolo in fiore
traspare
essenza pietrificata
l’albero sacrificale

mlg

 

 

 

 

un racconto/a tale – libri d’artista

marzo 19, 2016

Lungo tutto il mio percorso artistico mi sono dedicata alla costruzione di piccoli libri, alcuni per fissare una ricerca, altri tematici.
Quando mi è stato chiesto di scrivere una presentazione per il catalogo realizzato da Vis-a-Vis a Marsiglia a proposito della mia partecipazione a
Lire en fête 2002 scrissi:
Il libro d’artista è per me un momento di verità, una finestra aperta per parlare all’altro, un richiamo alle mie letture attraverso la creazione di immagini. Nei miei libri si può trovare, quasi per “magia evocativa”, una musica che si trasforma in segno orientale, i ritmi delle venature del legno che dialogano con gli oggetti della memoria, il chiaro di luna che si rimira tra le pieghe di un foglio e un caleidoscopio d’immagini nei giochi dei diversi cromatismi”.

quantibianchiblog

“Quanti bianchi” libro d’artista 2002

Forse oggi potrei aggiungere che i miei libri sono come una cartina di tornasole: testimonianze delle diverse anime che coabitano nella mia natura, in un percorso che sto ripercorrendo senza conoscerne ancora la meta.
Attualmente sto ricostruendo, attraverso libri fatti a mano, tutto il mio percorso artistico dal 1979 ad oggi.

47 il giardino di Helga4-24012011568_2Il giardino di Helga Weissova 2011

48 dentro e fuori il giardino 6s
Dentro e fuori il giardino 2011

 

Throughout my whole artistic career I have been dedicated to the construction of small books, some to fix my research, others thematic. When I was asked to write a presentation for the catalogue realised by Vis à Vis in Marseilles about my participation in ‘Lire en Fete’ 2002 I wrote:
‘The Artist’s book is for me a moment of truth, a window opened to speak to the other person, a reminder of my reading through the creation of images. In my book you can find, as if by magic, a music that transforms into an oriental sign the rhythms of the grains of the wood which dialogue with the objects in the memory, the moonlight that is reflected in the folds of a sheet and a kaleidoscope of images with the play of different colours.”
Perhaps I should add today that my books are like a sheet of litmus paper, testimonies of the various spirits that cohabit in my nature in a journey I am travelling on without knowing the final destination.
Actually I am reconstructing through handmade books my whole artistic career from 1979 to the present.

 

If you are interested to publish my story write to
mlgrimani@gmail.com

 

https://mlgrimani.wordpress.com
http://sarimagiha.wordpress.com
www.marialuisagrimani.it

sull’asfalto

febbraio 9, 2016
image

fotografia trovata su Twitter cerco autore

 

Un gesto d’amore
nel mondo delle regole
scompone il ritmo del viaggio
quale luce irradierà il mattino?

mlg

 

 

 

monocromo

gennaio 29, 2016

image

opera di Mark Rothko n°15

Se fossi colore sarei monocromo
ogni tinta una vita
Avrei notti buie e giorni chiari sempre
Sempre ti stupirei
mlg

il racconto di Natale

dicembre 17, 2015

auguri di Buon Natale

e  un 2016 di pace e stupore 

natale 2015per blogNatale a Mosca 2015 – mlg

Racconto di Natale

Tutti a Natale siamo un poco Magi
Nei negozi c’è fango, e ressa.
Per un barattolo di chalvà al caffè di assediare botteghe son capaci, avvolte nei pacchetti, intere folle; ognuno per se stesso Re e cammello.
Con sporte, reti, cartocci, cestini, e colbacchi, cravatte di traverso.
Odor di vodka, di merluzzo e pino, di mandarini, di cannella e mele.
Caos di visi, nel turbine di neve non si vede il sentiero per Betlemme.
E, portatori di modesti doni, sfondando porte, saltano sugli autobus, nelle fosse dei cortili scompaiono, anche sapendo che la grotta è vuota: non c’è la Donna aureolata di luce.
Vuoto. Ma all’improvviso a quest’idea viene una luce non si sa da dove.
Erode regna, ma più forza ha, più vero e inevitabile è il miracolo. La costanza di
quest’affinità è il meccanismo base del Natale. Per questo dappertutto si fa
festa, per il Suo avvento, unendo tanti tavoli.
Se non c’è ancora nessuna richiesta di una stella, la buona volontà nelle genti si vede di lontano, i pastori riaccendono il falò.
La neve cade; non mandano i camini fumo, ma squilli. Ogni viso è una macchia.
Beve Erode. Nascondono i bambini le donne. Chi verrà non può saperlo nessuno:
noi non conosciamo i segni, potrebbe il cuore non più riconoscerlo.
Ma se, nel giro d’aria della porta, una figura, fazzoletto in capo, compare dalla
nebbia della notte, senti senza vergogna il Nuovo Nato in te.

Josif Alexandrovic Brodskji
24 dicembre 1971

 

 

Questa poesia proviene da: Racconto di Josif Alexandrovic Brodskji –
24 dicembre 1971 – Racconti di Natale – Poesie.reportonline.it http://www.poesie.reportonline.it/racconti-di-natale/josif-alexandrovic-brodskji-24-dicembre-1971.html#ixzz3t6jTedcF

(more…)

specchio

novembre 26, 2015

image“specchio”. Maurizio Carta @MaurizioCarta7 – twitter

Dietro lo specchio
il nulla il tutto
Crescerai bimba mia
ma non dimenticare
il verde di questo prato
che si specchia in te
candida cornice

mlg

zaccheo

novembre 17, 2015

image

peter@aldahry twitter

Zaccheo

Possano le ali di questo portone
trasportarci oltre la nebbia mattutina
attraverso la finestra del tempo
nello spazio astrale
affinché avvenga per noi
quest’oggi d’eternità
mlg

alle undici del mattino

novembre 13, 2015

image

Marichi Valero @marichivalero twitter

Alle undici del mattino
il raggio di sole dalla finestrella
magnetizza i nostri sensi.
Pulviscolo che appare per pochi istanti.
Atomi dell’anima
nel buio si rintanano
non senza cogliere
l’ angolo laggiù
di pietra color ruggine.
mlg

Il palloncino rosso

novembre 3, 2015

image

Fotografia di Anna Correale Santacroce

Il palloncino rosso su fondo nero
tocca
per l’ultima volta
il filo spinato
Vola la bimba siriana
nel cielo azzurro
con il sorriso sulle labbra

mlg