percorso artistico, e-mail

Maria Luisa Grimani risiede ed opera a Monza, Italia.

mlgrimani@gmail.com

Dal 1974 al 1977 lavora nello studio di progettazione di A G Fronzoni a Milano.
Studia le opere di Kandinsky e Klee con l’obiettivo di approfondire i rapporti tra razionalità e sentimento nell’arte.
Nel 1975 inizia la sua attività artistica con una ricerca sul gioco e sulla sua “traduzione” in immagini..
Nel 1976 incontra Bruno Munari, che inserisce nel libro “La scoperta del quadrato” alcune sue opere della serie “partite di scacchi”. In seguito a questa amicizia entra a far parte del gruppo Giocare con l’arte al Castello Sforzesco di Milano dove incontra Beba Restelli con la quale aprirà in seguito un laboratorio didattico a Monza, esperienza che la impegnerà  per una decina di anni.
Dal 1977 intraprende un lungo itinerario di lavoro sul rapporto tra parola e immagine, approfondendo l’interpretazione semiotica del testo poetico. E’ di questo periodo (1979) l’autoritratto su versi di T.S.Eliot.
Nel 1980 Vando Aldrovandi apprezza le sue opere e presenta alla Libreria Einaudi di Milano la prima antologica. Tra questi lavori spiccano i sei pezzi del bestiario di Apollinaire, realizzati con la tecnica dello stencil, che diventeranno in seguito una cartella litografica con parole e segni.
Dal 1981 allarga la ricerca su immagine e poesia alla musica. Sono di questo periodo le pagine traforate, che vengono presentate alla Galleria Sincron  di Brescia insieme alle sculture  di Colette Dupriez.
L’invenzione legata ai ritmi musicali la spinge ad avviare una serie di opere sul segno gestuale, recuperando i propri interessi giovanili per lo Zen.
Dal 1982 inizia i “Natali”, una ermeneutica visiva del rapporto tra natura, uomo e divinità. Sono versi di Ungaretti, T.S.Eliot, Pasternak, Louis De Gongora, Apollinaire e Rilke. Nello stesso anno si dedica allo studio del colore.
Nel 1985 lavora sul romanzo di Italo Calvino “Se una notte d’inverno un viaggiatore” realizzando dieci tele esposte in un primo tempo alla Villa Reale di Monza nella Mostra Internazionale di Pittura  curata da Paolo Biscottini e poi  al Palazzo dei Diamanti a Ferrara a “Poesia come pittura” con Fernanda Fedi ed Erminia Verzella.
Dal 1989 si impegna in un confronto tra il segno come “accidente controllato” (Sabro Hasegawa) e il “disegno pittorico, schizzato di getto, rapido ed improvviso” (Teresio Pignatti) di tradizione veneziana. Nasce così la mostra “Un gesto deciso” presentata nella galleria Il Brandale di Savona.
Nel 1990 incontra la coreografa e danzatrice Carolyn Carlson e realizza nuovi segni ispirandosi al balletto “The blue lady”.     Opere che vengono presentate all’Istituto Italiano di Cultura di Lisbona.
A Lisbona ha modo di approfondire l’opera di Fernando Pessoa e nello stesso anno dipinge due tele nate dalla lettura de “Il marinaio”.
Nel 1991 crea opere ispirate al romanzo “La vita istruzioni per l’uso” di George Perec ed in particolare 40 piccole tele che compongono un unico pezzo “Il condominio omaggio a Perec.”
Nel giugno del 1993 presenta a Parigi, al Salone dell’aeronautica di Le Bourget, le sue opere sulla visione della terra dallo spazio, con il titolo  ” Spazio suono mano suono spazio”.
Nel settembre del 1994 è a Rovereto con “Il giardino dei segni” nell’ambito del programma del Festival della danza Oriente Occidente.
Da settembre a dicembre 1994 chiude il ciclo di mostre organizzate dal Museo Caproni di Trento per celebrare il 25° anniversario dello sbarco sulla luna, presentando tra i suoi lavori anche Mappaluna, tre trittici realizzati con la collaborazione dell’architetto Betty Bianchessi.
Nel settembre e ottobre del 1995 presenta una sua mostra dal titolo “Parola come immagine” alla Galleria Le due Spine di Rovereto: tra le opere esposte emergono i tre pezzi ispirati alle conferenze dal “Silenzio” di John Cage.
Nel 1996 partecipa ad una collettiva, nella Galleria d’arte Radice di Lissone, dal titolo “Trascrizione” dove presenta alcune tappe fondamentali della sua ricerca sulla parola.
Nel settembre del 1996 presenta Dialoghi Visionari con Laura Pitscheider al MART di  Rovereto.
Nel giugno del 1997 espone “Nel cerchio de la luna” la nuova serie  “La luna in scatola”, con la performance dell’attore, autore e regista Tommaso Correale Santacroce  e del musicista compositore Lorenzo Gasperoni nella Galleria Fatto ad Arte di Monza. Nel dicembre 1997 sempre nella Galleria Fatto ad Arte presenta le litografie “I Natali”.
Nel Maggio 1998 è con L. Pitscheider a Pietrasanta nel Chiostro di S.Agostino con i “Dialoghi Visionari”, presentati da Francesca Mellone.
Nell’aprile del 1999 presenta nella Galleria Fatto ad Arte di Monza, “Il giardino dei segni”.
Sempre nel 1999 è a Rovereto nella Biblioteca Civica per presentare “Quadri per una biblioteca”, quaranta opere tra grafica e pittura.
Nel 2000 partecipa alla collettiva itinerante curata da Giuseppe Casiraghi con l’opera “Rivelazione” dedicata al Giubileo.
Nel giugno 2000 è presente alla galleria artRe di Cernusco Lombardone con la mostra “Nel cerchio de la luna”, le nuove opere “pizz ‘e luna” e il monologo “Piccolo viaggio sulla luna” di e con Tommaso Correale Santacroce, musica di Lorenzo Gasperoni.
Nell’agosto del 2002 è a Ortisei con una ricerca dedicata all’albero, opere realizzate su legno, in particolare  la paulownia. Il titolo della mostra è L’Albero e la Montagna ed è presentata con il pittore Giancarlo Nucci.
Il 18-19-20 ottobre 2002, ospite dell’atelier Vis-à-Vis, partecipa a Lire en fete a Marsiglia con i suoi libri d’artista.
Nel 2003 ha scritto un libro d’artista “Storie di scacchi”, nel 2004 “Il testo poetico come immagine” attualmente sta preparando “Il giardino dei segni”: un trittico che racconta le sue ricerche.
Nel 2004  è a Roncofferaro (Mn) con le sue poesie visive.
Partecipa al 1° Festival Nazionale della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari con i suoi libri d’artista presentando l’ultimo testo della sua trilogia “Il giardino dei segni” :  2-4 settembre, 2005.
Dal 2005 fa parte del gruppo “Password”, poeti e artisti da tutto il mondo  che lavorano on line. http://www.password.or.at
Nel 2007 presenta a Monza nella Galleria Civica “il libro che suona che canta che balla”  –  itinerario artistico dal 1979 al 2007
Nel 2008 è alla Feltrinelli di Monza per la prima mostra del suo avatar Sarima Giha
Nel 2008 partecipa alla mostra “Tintacce-tintine” presso la galleria d’arte Quinto Cortile di Milano.
Nel 2009 è a Cologno Monzese – Villa Casati  per la mostra organizzata dal Comune su “Tibet e spiritualità” con due opere “Il Tibet che vorrei vedere” e “ Il Tibet che non vorrei vedere”.

Nel 2010 presenta a Verbania Casa Ceretti due opere nella collettiva  dal titolo  “Tibet di cielo e di terra” organizzata da Ornella Garbin.
Nel 2010 è invitata da 2Lifecast a partecipare all’ Innovation Festival di Milano.
Nel 2011 espone ad Art Project di Viareggio 5 opere della serie “L’inquietudine di Sarimagiha”
Nel 2012 ritorna ad Art Project di Viareggio con la traduzione in immagine digitale di quattro poesie.

Maria Luisa Grimani a.k.a. Sarima Giha

E’ un avatar nato il 9 settembre del 2007. Aveva uno scopo ben preciso per nascere in Second Life: far conoscere il lavoro artistico di Maria Luisa Grimani alle persone che per divertimento o impegno viaggiano in questo incredibile mondo digitale. Una struttura portante, esposizione permanente creata dall’avatar Core Tatham, svetta verso il cielo con le sue poesie visive, frutto della collaborazione con i poeti di Password.

Terminata la sua prima missione, è partita alla scoperta del mondo virtuale entrando tra le pieghe dei paesaggi, delle sculture e degli oggetti creati dagli avatar, e collezionando una serie di snapshot come “prove d’artista”.

Nascono così nuove poesie e le sue prime “cartoline”, viaggi virtuali e mentali, descritte nel suo blog personale “Il fogliomondo di Sarima”, aperto per raccontare in Internet le sue esperienze.

Nel 2009 partecipa ad “Arena call for artists” con un’opera interdisciplinare “La città blog di Sarima Giha” con la collaborazione di Tommaso Correale Santacroce.

Nel 2010 Laszlo Oerdoegh a.k.a Velazquez Bonetto le pubblica su Issuu due libretti, “Pret à porter – a web story” e “Landscapes”  e presenta inoltre nella sua Camera Obscura i paesaggi di Sarima .

http://sarimagiha.wordpress.com

https://mlgrimani.wordpress.com

http://www.marialuisagrimani.it

http://www.password.or.at

Maria Luisa Grimani is an artist who lives and works in Monza, Italy

mlgrimani@gmail.com

From 1974 to 1977 she worked in design office of AG Fronzoni in Milan.
She studied the works of Kandinsky and Klee with the aim of deepening the relations between rationality and emotion in art.
In 1975 she began her activity by “translating” chess games in visual design. Bruno Munari appreciated these works and put two of them in his book “La scoperta del quadrato” (ed. Zanichelli).
From 1977 Grimani embarked on a long path to find out the connections between word and image by studying in depth the semiotic interpretation of poetic texts.
In 1981 she started a series of interpretation of Christmas poems, a visual ermeneutica about the relations between nature, mankind and divinity. She chose lines from G. Ungaretti, T. S. Eliot, R. M. Rilke, G. Apollinaire, Boris Pasternàk and Luis De Gongora.
In 1985 she worked on Italo Calvino’s novel « Se una notte d’inverno un viaggiatore “ creating ten works on canvas exhibited for the first time at the Villa Reale di Monza then at the Palazzo dei Diamanti in Ferrara.
Then she expanded her artistic research looking for the connections between music and images to achieve a gesture-sign inspired particularly by dance.
In 1990 she presented “Il vuoto meraviglioso”, Zen inspired works in Lisbon (Portugal).
Grimani was also attracted by the relations between macro and micro aspects of the world.
Invited by an Italian Aircraft Company, she created a series of pictures on the vision of the earth from the moon. These works were presented in 1993 at the Aeronautic Exibition Le Bourget, Paris (France).
The year after she was invited to an exhibitions dedicated to the 25° anniversary of the moon-landing at the Aeronautic Museum Caproni in Trento, for which she realized three triptyches called “Mappaluna 3×3”.
In 1994 she presented her “Giardino dei segni” at the Festival of the Dance Oriente Occidente in Rovereto (Italy). Again, in the Museum of Modern Art (MART) of Rovereto, in 1996, she presented a series of paintings called “Dialoghi Visionari”, together with the artist Laura Pitscheider, inspired by the architectural vaults of an ancient palace.
On 1999 she was once again in Rovereto at the Civic Library to present “Quadri per una biblioteca”, paintings inspired by her readings of Calvino, Perec, Pessoa and other writers.
In 2002 she realized a series of pyrographic woodworks, trying to interpret the grain and veins of different trees. These works were shown at the Ladin Museum in Ortisei and are present on an American Museum on line. The same year she presented her first series of art-books at the exhibition “Lire en fête” in Marseille (France), invited by the Atelier Vis-à-Vis. In 2004 the exhibition “L’albero racconta” takes place in the Park of Monza invited by Italia Nostra together with a concert by the harpist Elena Cordublas and poetry reading.
At the end of 2006 she starts a dialogue on Internet with an international community “Password”, a group of poets and visual artists that exchange poems and images on line: Up to now Password has presented its works in Graz, Austria, in Washington, at the Art Fair of Beijin and next shall be in Milan.
In 2007 the Civic Art Gallery of Monza gave her the opportunity of presenting her artistic itinerary including her last works elaborated by the computer, together with four events of dance, music, poetry reading, and creative experiences.

a.k.a. Sarima Giha is an avatar thatlives and works in Second Life, Tomcorsan Place, 235.167.32. She was born the 9th of September 2007. She gave herself an aim: to present Maria Luisa Grimani’s artistic work to people who travel in this digital world and whose sensibility and creativity is particular. A supporting structure, a permanent exhibition created by the avatar Core Tatham, stands out against the sky, showing her visual lines inspired by the poems of password’s writers. Then, she set out to discover this virtual world coming into the details of the landscapes, of the scultures, of the objects created by the avatars and collecting a series of snapshots as “prove d’artista”. New visual poems, picture postcards, virtual and mental travels are described in her personal blog “il fogliomondo di Sarima”, born to tell her experiences and adventure in second life.
In 2009 participates in “Arena call for artists” with interdisciplinary work “The City Blog Sarima Giha”
In 2010 Laszlo Oerdoegh a.k.a Velazquez Bonetto publish in Issuu two booklets, “Pret à porter – a web story” and “Landscapes” and also presented in his Camera Obscura “landscapes by Sarima Giha”.


http://sarimagiha.wordpress.com

https://mlgrimani.wordpress.com

http://www.marialuisagrimani.it

http://www.password.or.at

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

mostre personali

Verifica 8+1 –Il testo come immagine – Venezia-Mestre  – marzo 1980

Libreria Einaudi – La grafica di m l  grimani – Milano sett. 1980

Sincron – Spazi risonanti – Brescia –  giugno 1981

Museo della Valchiavenna – Il testo poetico come immagine .- Chiavenna – nov. 1985

LIBRA – tre mostre a tema Parola – Gesto – Colore – Monza – nov/dic 1986

Il Brandale – Un gesto deciso – Savona genn. 1989

Le Bourget – Space sound hand sound space – stand Aercosmos Partenavia – Parigi 1993

Oriente Occidente teatro danza – Il giardino dei segni – palazzo Alberti sett. 1994

Museo Caproni – 25° anniversario dello sbarco sulla luna – Trento – set./dic 1994

Galleria Le due Spine – La parola come immagine – Rovereto sett. 1995

Biblioteca Civica e Archivio Storico – Quadri per una biblioteca – Rovereto – aprile 1999

Comune di Roncoferraro – Il testo poetico come immagine – maggio 2004

Italia nostra – L’albero racconta – Italia nostra –  Parco di Monza – giugno 2004

Galleria Civica Monza – L’itinerario artistico di Maria Luisa Grimani – Il libro che suona che canta che balla – Monza – settembre 2007

Galleria Szczepanski – Sl Arte – La mossa del cavallo – Una mostra antologica di Maria Luisa Grimani a.k.a. Sarima Giha – Ottobre 2010

 

mostre personali con altri artisti

Biblioteca Comunale Sormani – Poesia come pittura – M.L. Grimani e F. Fedi Milano- febb. 1988

Palazzo dei Diamanti Galleria Massari 1 – Poesia come Pittura Fernanda Fedi, Maria Luisa Grimani, Erminia Verzella – luglio/settembre 1988 – Ferrara

Galleria Radice – Trascrizione – Sanesi Lionetti Roffi Benfenati e Grimani – Lissone marzo 1996

MART- Oriente- Occidente – Dialoghi visionari – Maria Luisa Grimani  e Laura Pitschieder – Rovereto sett. 1996

Viareggio Art Project – mostra d’arte contemporanea – Villa Paolina Bonaparte – giugno/luglio 2011 – Viareggio

Viareggio Art Project – painting-sculpture,digital art – luglio 2012 –  Villa Paolina Bonaparte – Viareggio

mostre collettive

Sincron – incontro verifica 1978- Brescia – maggio 1978

Associazione Donnaarte – Giorgione V centenario – Castelfranco Veneto –    sett.ott.1978

Verifica 8+1  –  Proposta 12-78 – Venezia-Mestre – dic. 78

Gruppo Sincron –  tre giorni d’arte a Ciserano – Ciserano (bg)  –  sett. ‘79

Centro Lavoro arte –  Esercizio di luogo comune –  Milano  – ott. 1979

Lo Zibetto – Quaranta disegni sull’allegria – Milano sett. 1981

Associazione AM – il piccolissimo formato ’81 – Roma -dic. 81/genn. 82

Sincron – piccolo formato 1982 – Brescia – dic. 1982

Sincron – Omaggio agli Etruschi – Brescia – nov. 1984

Mostra nazionale di Pittura Città di Monza (curatore Paolo Biscottini) – Villa Reale di Monza –  maggio/giugno 1986

Sincron 20 a Saint Paul de Vence – Galerie Alexandre de la Salle – apr.maggio 1987

Sincron – El Museo de Arte de Maracay – Maracay Venezuela – giugno 1987

Scritture:pagine e immagini a cura di Gino Gini – Biblioteca Sormani – Milano – sett. 1987

Laboratorio 66 – Arte Fiera ’88 – Bologna – febb. 1988

Progetto Volpini – La casa del poeta – Milano – ott/nov 1988

Verifica 8+1- verifica della verifica – Venezia Mestre – dic. 1989

Arte Fiera Bologna – Il Brandale –  Bologna – 1990

Associazione artistico culturale La Fenice – La vita in un quadro – Busto Arsizio marzo 1991

Villa Camperio – gruppo La Fenice – Villasanta – genn/febb. 1993

Studio D’ARS  – bagaglio culturale – Milano . luglio 1992 –  itinerante fino al 1994

Galleria Avida Dollars – Contemporaneamente – ½ ottobre 1994

H:ORaRTE – Quando i tempi della vita sono spazi dell’arte – Palazzo Vittorio Veneto – Lissone – nov. 1994

Galerie Labyrint – Grafici Italiani – Praga – genn:/marzo 1995

Comune di Vimercate- Guarda le vetrine e…scopri l’arte – dic./genn: 1994/95

Collettiva ad arte 2001 –  dicembre 2001 – galleria Fatto ad Arte – Monza

Giornata del libro – marzo 2008 – galleria d’arte contemporanea – Castel S. Pietro

Artisti per Pasolini – Tintacce Tintine – Galleria Quinto Cortile – 2008 – Milano

Dalla parola all’immagine collettivamente on line – Forum Austriaco di Cultura –  dicembre 2008 – Milano – Progetto artistico internazionale “Password”

Arte e Montagna – Società Alpinistiche Monzesi – Urban Center – nov. 2009 – Monza

Per i diritti umani contro la pena di morte – Villa Casati – dic. 2009- Cologno Monzese

Tibet di terra e di cielo- Casa Ceretti – aor./maggio 2010 – Verbania Intra

Di versi in versi – La poesia tra parola e immagine sett. 2010 – G’art – Vercelli

Biennale del Libro d’artista – Palazzo Merolla- sett/ott 2010 – Marano di Napoli

!D.A.! digital art – Innovation Festival Milano ott. 2010

I bambini e le donne della Shoah – Verbamanent  2011 -Taurisano, Aradeo, Galatina (Lecce)

Festival del libre d’artista de la petita ediciō – aprile 2011 Barcellona

G’art – La poesia è di tutti – Vercelli maggio/giugno 2011

SBLU –spazio al bello – Libro d’artista giu/lug 2011

Chiseminaraccoglie- Paesaggi – Rosae & Rosee – Roma Villa Doria Pamphilj – ag/sett 2011

G’art – La poesia degli artisti – La pace tra parola e immagine – Vercelli sett/ott 2011

Verbamanent -I bambini e le donne della Shoah – Galatina – Lecce – febb. 2011

Conoscere la poesia per costruire la pace – G’art – sett. 2011 Confraternita di S. Bernardino – Veercelli

Giorno della memoria 2012 – Acquario verde – Verbamanent febb. 2012 – Lecce

Monocolori – Quinto Cortile marzo/aprile 2012 – Milano

Archivi d’artista – esposizione internazionale di Libri d’artista/libri oggetto – Biblioteca civica Villa Amoretti  – marzo/aprile 2012 Torino

Mrabilibri – Verbamanent – Castello di Copertino – maggio 2012 – Lecce

MalagAtelier 7 – giugno 2012 – Milano

Rassegna Poesia arte Milano – Altro Oro – Quinto cortile giugno 2012 – Milano

Archivio Alberto Veca – Della costruzione. Pittura degli anni settanta – Spaziotemporaneo – giugno 2012 – Milano

Naturalia Animalia  – Esposizione internazionale di libri d’artista – luglio 2012 Sannicola (Lecce)

MirabiLibri – mostra internazionale di libri d’artista Centro Studi e Ricerche di Scienze, Lettere e Arti Ass. Postumia.-sett. 2012- Gazoldo degli Ippoliti (Mantova)

La speranza tra parola e immagine- G’art- sett. 2012 – Vercelli

Artelibro Festival del Libro d’Arte – sett. 2012- Palazzo di Re Enzo e del Podesta – Bologna

Incontri in biblioteca  – A Oriente – Cielo lontano – Biblioteca Gallaratese –  novembre 2012 – Milano

video

https://mlgrimani.wordpress.com/category/video/  –  in  una pagina di promemoria tutti i video

riconoscimenti ufficiali:

http://www.ekfk.ic.cz/laureats.html   Praga 8.11.2000

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: