Archive for febbraio 2009

il puzzle e percival bartlebooth

febbraio 24, 2009

Nel suo preambolo a La vita, istruzioni per l’uso George Perec descrive minuziosamente la differenza tra un puzzle commerciale solitamente di cartone, tagliato a macchina, e la costruzione di un puzzle di legno preparato da mani abili, le cui tessere sono studiate con furbizia per rendere difficile la ricostruzione dell’immagine. L’autore sa inoltre che colui che vorrà ricostruire il puzzle in un unico pezzo dovrà rifare i suoi stessi gesti, i suoi stessi ragionamenti per arrivare, attraverso l’esame dei singoli pezzi, alla comprensione del tutto.
Chi volesse ricostruire l’intera storia di Percival Bartlebooth, l’inquilino più importante del condominio parigino, può solo farlo collegando tra loro tutti i capitoli che lo riguardano e le notizie nascoste nelle storie degli altri personaggi, ripercorrendo l’itinerario tracciato da Perec quasi che l’autore invitasse il suo lettore a riflettere più in profondità su ciò che egli descrive. Le sue istruzioni invitano ad analizzare bene, attraverso la vita degli altri, la nostra stessa vita.
Sempre nel preambolo Perec, parlando dell’abilità nella scelta di un soggetto per rendere il puzzle sempre più difficile, dalla uniformità di un quadro gestuale di Pollock alle varianti di un quadro quasi monocromatico di Pissarro, prospetta l’idea di un puzzle tutto bianco come “misero paradosso”. Ebbene lì ho trovato la mia sfida. Un puzzle tutto bianco, ben sapendo che oggi dire bianco vuol dire scegliere un certo numero di varianti: bianco di titanio, bianco di zinco, bianco d’argento, bianco luminoso, bianco spento, opaco o lucido e così via.

la-vita-istruzioni-per-lusotutto scorre come in un film-1991

Quando costruii la serie di quadri dedicati a Perec non avevo approfondito come oggi sto facendo il suo romanzo. Ero stata affascinata dalla sua struttura a puzzle e dalla storia di Bartlebooth che del puzzle aveva fatto la sua questione di vita.

All’età di venti anni decise di organizzare tutta la sua vita:
“Per dieci anni, dal 1925 al 1935, Bartlebooth si sarebbe iniziato all’arte dell’acquerello.
“Per venti anni, dal 1935 al 1955, avrebbe viaggiato in lungo e in largo, dipingendo, in ragione di un acquerello ogni quindici giorni, cinquecento marine dello stesso formato (65×50, o 50×64 standard) raffiguranti porti di mare. Appena finita, ciascuna di quelle marine sarebbe stata spedita a un artigiano specializzato (Gaspard Winckler) che incollandola su un foglio di legno sottile l’avrebbe tagliata in un puzzle di settecentocinquanta pezzi.
“Per venti anni, dal 1955 al 1975, Bartlebooth, tornato in Francia, avrebbe ricomposto, nell’ordine, i puzzle così preparati, in ragione, di nuovo, di un puzzle ogni quindici giorni. Via via che i puzzle sarebbero stati ricostruiti, le marine sarebbero state ristrutturate in modo da poterle scollare dal loro supporto, trasportate nel luogo stesso in cui – vent’anni prima – erano state dipinte, e immerse in una soluzione solvente da cui non sarebbe riemerso che il foglio di carta Whatman, vergine e intatto.
“Così, non sarebbe rimasta traccia alcuna di quella operazione che, per cinquanta anni, aveva completamente mobilitato il suo autore. (…)” Paolo Beneforti

Gli artigiani che lo affiancano nell’impresa vivono nello stesso condominio. La signora Hourcade del quinto piano, che aveva lavorato in una fabbrica di cartonaggio e aveva una vasta esperienza (Perec elenca tutti i manufatti che la signora aveva avuto modo di trattare) riceve l’incarico di costruire cinquecento scatole in cui il signor Winkler, del sesto piano, avrebbe dovuto mettere i puzzle man mano che li terminava. Dovevano essere tutte identiche: lunghe venti centimetri, larghe dodici, alte otto, di cartone nero, chiuse da un nastro nero che Winkler sigillava con la cera, senza altra indicazione che un’etichetta ovale sulla quale erano scritte le iniziali P.B. seguite da un numero.

la-nascita-del-puzzle-b3

la nascita del puzzle-1991

Oggi, nel riprendere in mano il romanzo, nel ricercare via internet notizie, approfondimenti, critiche leggo che il nome di Bartlebooth nasce dalla sintesi di due personaggi letterari: Barnabooth il miliardario di Valery Larbaud e Bartleby lo scrivano di Herman Melville). Può non sorgere la curiosità del perché Perec li abbia scelti? Ecco allora quello che ho scoperto.
Il primo personaggio nasce dal romanzo A. O. Barnabooth. Il suo diario intimo
“Pubblicato per la prima volta nel 1913, il libro è il diario del viaggio che A. O. Barnabooth, alias Valéry Larbaud, compie per tutto il vecchio mondo a bordo di un vagone letto. In questa personaggio un po’ burlesco, snob e parvenu afflitto dal complesso del proprio denaro, cleptomane per noia, eternamente sedotto dalla bellezza di un alessandrino, di una teiera o dalle spalle di una donna, Valéry Larbaud ha raffigurato se stesso e i miti del suo tempo in maniera indimenticabile. Contemporaneo e amico di Valéry, di Gide, di Joyce, di Svevo, Valéry Larbaud (1881-1957) albergò sempre in sé due anime: l’insaziabile viaggiatore, proteso verso nuovi paesi e nuovi incontri, e l’aristocratico prosatore amante dell’opera raffinata.”*
Il secondo personaggio “Bartleby, lo scrivano, è un piccolo capolavoro di Melville. In un racconto di poche decine di pagine un notaio descrive la storia di un suo impiegato, appunto Bartleby, che lavora per quattro centesimi a pagina di cento parole. Bartleby è lo scrivano più strano in cui si è imbattuto: non cammina, non beve caffè o birra, vive di noci di zenzero e fissa sempre il muro. Vive la sua vita in solitudine, in completa mancanza di amicizie. Melville scrive che “era la sua anima a soffrire” e che “sembrava solo, assolutamente solo nell’universo”. Bartleby è totalmente estraniato dall’ambiente di lavoro. E’ un uomo che non sa parlare e che rifiuta di fare. Ad un tratto inizia a non svolgere più le mansioni a cui era destinato. Ad ogni comando del notaio risponde: “I would prefer not to”(preferirei di no). Quando viene licenziato la resistenza passiva di Bartleby diventa attiva: infatti occupa abusivamente l’ufficio giorno e notte. Una volta tradotto in prigione rifiuta di mangiare e muore di fame.
Quindi due luoghi emblematici: l’ufficio, come momento di vita non autentica, i cui connotati sono lo sfruttamento e l’insensatezza, e la prigione che rappresenta la morte.”**
Due affascinanti storie che fanno ancor più meditare sulla vita emblematica di Bartlebooth, ognuno di noi può trarre le sue conclusioni.

per comprendere meglio la struttura di questo fantastico romanzo potete leggere
http://recevaligia.blogspot.com/2006/07/la-struttura-compositiva-de-la-vita.html
 
 
Annunci